Movie Therapy & porn-addiction: Don Jon di Joseph Gordon-Levitt

L’uso dei film come utile supplemento alla terapia è stato documentato in letteratura, e in diverse modalità terapeutiche (individuale, familiare, di gruppo) e in numerosi orientamenti teorici (psicanalitico, psicodinamico, cognitivo-comportamentale, umanistico, sistemico-relazionale, funzionale).

La terapia cinematografica è stata detta dai suoi sostenitori per modificare i pensieri, i sentimenti e le capacità individuali di gestire gli eventi della vita. Una terapia cinematografica evocativa, aiuta le persone a connettersi con le trame e i personaggi del film. La terapia cinematografica catartica aiuta una persona ad accedere alle proprie emozioni, ad esempio se si trova in una depressione, e può essere utilizzata nella fase iniziale della psicoterapia.

La dipendenza da pornografia è in aumento in modi che non avremmo mai potuto immaginare nell’era pre-digitale. In particolare, stiamo vedendo un gran numero di adolescenti e donne alle prese con questo problema. Indipendentemente dall’età o dal sesso, l’accesso illimitato, non filtrato, 24 ore su 24, 365 giorni su 7, 365 giorni su 365 a quantità infinite e varietà di pornografia, ha creato problemi significativi per molti utenti, tra cui la pornografia.

La ricerca suggerisce che nel mondo di oggi coloro che sono affetti da porn-addiction di solito trascorrono almeno 11 o 12 ore alla settimana a guardare (e di solito si masturbano) la pornografia, spesso i video e le foto accessibili tramite computer, laptop, tablet, smartphone o altro dispositivo abilitato. La stragrande maggioranza dei pornodipendenti preferisce l’anonimato, l’accessibilità e l’accessibilità perpetua fornite dalle tecnologie digitali. Inoltre, questo numero di 11 o 12 ore settimanali può essere il limite inferiore dello spettro. Molti pornodipendenti dedicano il doppio o addirittura il triplo di quel tempo alla pornografia. (Weiss, 2013).

Il film analizzato è Don Jon (2013)

Jon Martello è un giovane italoamericano e Don Juan dei tempi moderni che vive nel New Jersey, con una breve lista di cose a cui tiene: “il mio corpo, il mio pad, il mio passaggio, la mia famiglia, la mia chiesa, i miei ragazzi, le mie ragazze, il mio porno. ” Sebbene abbia una vita sessuale molto attiva, è più sessualmente soddisfatto guardando la pornografia e masturbandosi, che sostiene gli permette di “perdere se stesso”.

In una serata con i suoi due migliori amici, Bobby e Danny, Jon vede Barbara Sugarman (interpretata dall’attrice Scarlett Johansson), una giovane ebrea di origine più ricca. Anche se lo trova interessante, declina la sua offerta per uno stand di una notte. La rintraccia su Facebook e la invita a pranzo. C’è attrazione reciproca, ma Barbara insiste su un corteggiamento a lungo termine, che procede per oltre un mese senza sesso. Incoraggia Jon a frequentare i corsi serali per ottenere un lavoro d’ufficio al di fuori del settore dei servizi, e Jon si dedica al suo amore per i film romantici, che di solito respinge come fantasia non realistica. Si incontrano le rispettive famiglie e i genitori di Jon la amano.

I due fanno sesso, ma Jon è ancora insoddisfatto. Ama Barbara e considera il suo corpo perfetto, ma trova ancora la pornografia più soddisfacente. Mentre lei dorme, Jon guarda la pornografia. Barbara lo sorprende e rimane scioccato. Si prepara a lasciare Jon, ma nega di guardare la pornografia e sostiene che è stato uno scherzo che gli è stato inviato da un amico.

La loro relazione riprende, con Jon che guarda la pornografia principalmente fuori dal suo appartamento, nascondendo la sua abitudine a Barbara. Viene sorpreso a guardare un video sul suo cellulare prima di una lezione universitaria di Esther (interpretata dall’attrice Julianne Moore), una donna di mezza età che Jon ha incontrato in precedenza piangendo da sola. Jon la pulisce educatamente. Barbara continua ad affermare il controllo, insistendo sul fatto che pulire il proprio appartamento, un compito che Jon trova soddisfacente, non è qualcosa che lei sta bene con lui. Barbara controlla la cronologia del browser sul computer di Jon, lo confronta con la prova che ha continuato a guardare la pornografia, quindi termina la loro relazione.

Jon cerca di tornare al suo vecchio stile di vita, ma finisce in una spirale discendente. Esther continua a protendersi, offrendo a Jon il beneficio della sua esperienza. Lei gli presta un video erotico che crede abbia una rappresentazione più realistica delle relazioni sessuali. Lui risponde iniziando un incontro sessuale nella sua auto parcheggiata. Lei persuade Jon a provare a masturbarsi senza pornografia, ma non è in grado di farlo. Sente la ragione per cui è più soddisfatto guardando che fare sesso è che la pornografia è un affare a senso unico. Se Jon vuole perdere sé stesso, deve essere per un’altra persona, un’esperienza reciproca. Esther rivela che suo marito e suo figlio sono morti in un incidente d’auto. Con lei, Jon forma una connessione sessuale emotiva.

Jon racconta alla sua famiglia della rottura con Barbara. Mentre sono scontenti, sua sorella Monica afferma che Barbara stava uscendo con Jon solo perché sapeva di poterlo manipolare. Jon incontra Barbara e si scusa per averle mentito sulla pornografia. Barbara dice che ha chiesto una cosa a lui e ha fallito. Jon risponde che ha chiesto molte cose su di lui e che non ha potuto soddisfare le sue aspettative. Mentre lei gli dice di non contattarla mai più, vede quanto è superficiale e si rende conto che sta meglio senza di lei.

Jon inizia ad uscire con Esther. Anche se è molto più anziana e non ha alcun interesse a sposarsi, Jon crede di comprendere veramente Esther e di potersi perdere emotivamente l’uno nell’altro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy policy

Cliccando su Privacy policy appena sotto puoi vedere i dettagli. Clicca sulla X se vuoi uscire senza vederli, ma ricorda che automaticamente accetti di ricevere i biscottini (Cookies)

Privacy Policy