Le fantasie sessuali allungano la vita?

Le fantasie, soprattutto quelle sessuali, sono tra le nostre espressioni più libere. Perché i pensieri consci sono condizionati dall’educazione e dalla famiglia, e i pensieri inconsci, cioè i sogni, nemmeno ce li ricordiamo. Invece immaginare in maniera conscia e voluttuosa, durante una trance sessuale, l’Estasi, come quella di Santa Teresa d’Avila, di fare l’amore con sconosciuti, lei è scolpita da Bernini con un Angelo con la freccia, (che si suppone sia un inviato da Dio), pronta a “ghermire la sua ferita narcisistica”. Ma l’Angelo non aveva sesso? L’angelo una volta era Eros e poi era Cupido il dio dell’amore pagano? Invaginare o pardon immaginare di essere prese con la forza, di fare sesso in posti inconsueti, di esibirsi, risultano, secondo numerosi studi canadesi, tra le fantasie più comuni per le donne. Vuol dire che le donne immaginano di più su cosa un uomo può fare loro, eccitandosi sul desiderio maschile. E che sono più “cerebrali”. Sembra che gli stereotipi sessuali siano presenti anche nell’immaginazione femminile.

Secondo un’altra ricerca statunitense, molte donne si eccitano abitualmente pensando di essere costrette ad avere un rapporto sessuale. Diffuse anche le fantasie legate al sesso con uno sconosciuto, esibizionismo e rapporto a tre. Quasi sempre si tratta di qualcosa di mai accaduto e che neppure si desidera accada. Raggiunto lo scopo per il quale la fantasia è stata prodotta, la stessa perde il suo valore erotico. La complessità del cervello femminile si riflette nella produzione, frenetica e sorprendente, di fantasie sessuali. Non ci sono limiti all’immaginazione delle donne quando c’è di mezzo il desiderio. Persino un evento aberrante come lo stupro può diventare fonte di eccitazione, così come esser costretta ad avere un rapporto orale, anale o ricevere avances da parte di un’altra donna. Niente di cui stupirsi: secondo gran parte della letteratura scientifica internazionale, la coercizione sessuale è una fantasia diffusa perché dona un senso di liberazione, sciogliendo la donna dall’ansia che un ruolo più attivo comporta e dalla responsabilità rispetto a qualunque tipo di desiderio, proprio o altrui. L’immaginario erotico è una sorta di zona erotica intrapsichica. Le fantasie possono presentarsi spontaneamente o, al contrario, essere provocate dal soggetto. Possono essere costituite da una sola immagine, come un flash mentale, o da una serie di fotogrammi che si succedono, come in un film. I protagonisti sono spesso persone che si conoscono o che comunque esistono ma talvolta si tratta di personaggi completamente fittizi. A volte la fantasia erotica ripropone un’esperienza già vissuta, ma quasi sempre si tratta di qualcosa di mai accaduto e che neppure si desidera accada.

«Le fantasie di stupro – precisa la psicoterapeuta e sessuologa, Flavia Coffari – fanno parte di quest’ultimo gruppo. La maggior parte degli autori ritiene che si tratti di un modo per “legittimare un piacere erotico colpevolizzato”: in questa fantasia, cioè, non è la sofferenza subìta ad essere erotizzata (come invece accade nel masochismo), ma il fatto di essere costrette con la forza al coito. Il soggetto in questo modo può negare la responsabilità del piacere, quasi si trattasse di un’espiazione prima del peccato». (Quello di Eva? O meglio ancora quello di Lilith?).

Secondo una ricerca delle università del North Texas e di Notre Dame condotta su 355 giovani, il 62% si eccita abitualmente pensando di essere costretta a un rapporto sessuale e il 40% ha queste fantasie di media una volta al mese, il 20% una a settimana. Lo studio “Women’s rape fantasies: an empirical evaluation of the major explanations” (Fantasie di stupro femminili: una valutazione empirica delle principali motivazioni), pubblicato su Archives of Sexual Behaviour, a cura della psicologa Jenny Bivona, che facendo ascoltare alle volontarie, con delle cuffie, voci di donne urlanti e chiedendo poi loro di chiudere gli occhi, immedesimarsi e raffigurare una scena, ha dato questi risultati. Il 52% si è immaginata costretta a far sesso da parte di un uomo; il 32% stuprata, il 28% costretta a fare sesso orale, il 16% anale, il 24% ha immaginato di essere immobilizzata, il 17% di venire costretta a fare sesso da una donna, il 9% stuprata da una donna e sempre il 9% per cento costretta a far sesso orale, sempre da una donna. Circa il 62% delle intervistate ha avuto almeno una di queste fantasie.

Le fantasie sessuali femminili sono ormai dominate da qualche migliaio di anni dalle fantasie sessuali maschili. Se partiamo dalla fondazione di Roma e cioè dal Ratto delle Sabine sono circa 2.770 anni e con la nuova terminologia psicologica ci si chiede se si trattò:

• di biastofilia (stupro non consenziente)?

• di raptofilia (stupro consenziente)?

A quanto pare le sabine si interposero a difesa di mariti (stupratori) e di genitori (passivi e inconsciamente consenzienti) che vennero in loro soccorso dopo circa un anno dall’avvenuto subdolo ratto: le donne sollevarono gli infanti nati dalla copula con i romani interponendosi tra padri e nonni per scongiurare un’inutile faida parentale.

Ecco perché c’è una grande differenza tra “le fantasie sessuali che allungano la vita” e “i desideri sessuali di femminicidio” che in qualche modo pervadono le donne e gli uomini perché non capiscono quello che è giusto, piacevole, e voluto da quello che è sbagliato, schifoso e costrittivo.

La prima parte tra donne e uomini, le fantasie sessuali allungano la vita. La seconda parte i desideri sessuali l’accorciano e di molto.

Come avveniva con la nostra fuitina. Che era consenziente quando lo era. Per piacere per volontà e per passione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy policy

Cliccando su Privacy policy appena sotto puoi vedere i dettagli. Clicca sulla X se vuoi uscire senza vederli, ma ricorda che automaticamente accetti di ricevere i biscottini (Cookies)

Privacy Policy