Susanna Basile
Sito di Susanna Basile

Dal 12 al 14 febbraio 2024 “Wine Paris & Vinexpo Paris” a Paris Expo, Porte de Versailles

Ci saranno più di 3000 espositori che vengono da oltre 40 paesi produttori e quasi 4000 visitatori acquirenti, di cui il 40% internazionali che provengono da quasi 150 paesi. Durante il salone il 12 febbraio ci sarà la finale del Concorso ASI World’s Best Sommelier

0

Wine Paris & Vinexpo Paris esalta la ricchezza e la diversità dei terroir francesi e internazionali: sono presenti i terroir della Francia quali Beaujolais, Bordeaux, Champagne, Linguadoca, Provenza, Borgogna, Valle della Loira, Alsazia, Rodano, Provenza e molte regioni vinicole di tutto il mondo tra le quali: Argentina, Australia, California, Georgia.

Gli espositori dimostreranno una grande diversità della produzione: dai piccoli viticoltori riservati ai grandi marchi internazionali, ai medi e grandi che diversificano la produzione mantenendo sempre una grande qualità.

Il programma “ON” con più di 100 eventi, workshop, degustazioni e conferenze, con l’intera industria internazionale dei vini e dei liquori, un programma di masterclass dedicato ai temi degli stessi vitigni, conferenze di approfondimento per produttori, acquirenti, sommelier e wine lovers.

Esiste anche il programma “OFF” delle serate che propone una selezione di ristoranti e cocktail bar in tutti i quartieri di Parigi che valorizzano il servizio del vino e la mixology.

 

Ci saranno più di 3000 espositori che vengono da oltre 40 paesi produttori e quasi 4000 visitatori acquirenti, di cui il 40% internazionali che provengono da quasi 150 paesi. Durante il salone il 12 febbraio ci sarà la finale del Concorso ASI World’s Best Sommelier.

 

Zone di provenienza delle aziende: Vini d’Alsazia, Vini del Beaujolais, Vini di Borgogna, Vini del Bugey, Vini di Champagne, Vini del Jura, Vini di Lorena Vini della Savoia, Vini della Valle della Loira, Vini delle regioni settentrionali straniere come Germania, Regno Unito, Oregon, Austria e altre sorprendenti regioni provenienti da tutto il mondo.

 

Tradizionale sfida di degustazione alla cieca organizzata dall’Association de la Sommellerie Internationale (ASI) e Vinexposium. Uno dei migliori sommelier del mondo, Raimonds Tomsons (Lettonia) e Valeria Gamper (Argentina), ti sfideranno nelle tue abilità di degustazione alla cieca! Raimonds e Valeria sceglieranno una serie di vini per questa sfida di degustazione alla cieca. Ti guideranno nella degustazione condividendo l’esperienza e i consigli per la degustazione alla cieca derivanti dalla partecipazione a numerosi concorsi e certificazioni. Non perdere questa occasione per imparare e degustare insieme ai migliori sommelier del mondo. Coloro che identificheranno correttamente le bevande concorreranno ai premi preparati dagli espositori di Wine Paris.

L’intelligenza artificiale sta ora rivoluzionando molti settori e quello dei bar e degli alcolici non fa eccezione. Dalla progettazione di nuove ricette all’ottimizzazione delle operazioni, del marketing e dell’esperienza del cliente, le risorse di intelligenza artificiale possono ora fornire innovazione ed efficienza in ogni fase del processo di creazione degli alcolici. Attraverso una selezione di casi di studio, scopri come anche tu ora puoi incorporare questi progressi tecnologici nel tuo kit di strumenti per progettare, creare, sviluppare, analizzare, ottimizzare e promuovere i bar, i cocktail e gli alcolici del futuro.

V D’OR BY VINEXPOSIUM: SONO PRESENTI I VINCITORI! 12 febbraio 2024 – I Vinexposium Business Awards riconoscono le iniziative più performanti e sostenibili nel settore del vino e degli alcolici. Le candidature per il 2024 sono state valutate da una giuria di professionisti internazionali e i risultati sono stati annunciati durante una ricca cerimonia di premiazione tenutasi a Parigi domenica 11 febbraio, prima dell’apertura ufficiale di Wine Paris & Vinexpo Paris 2024.

La MIGLIORE NUOVA SOLUZIONE BUSINESS V D’OR premia una nuova soluzione commerciale – servizio, strumento o offerta digitale – che sconvolge il mercato e svilupperà la vendita di vini o liquori. La rosa dei candidati era: • ecoSPIRITS • Grape-NFT di Spuro • Tastee di Winespace • Wine in Block Il vincitore è Tastee di Winespace (Francia). Con il consumo di vino in calo in quasi ogni singolo paese, non è mai stato così importante attrarre e guidare delicatamente nuovi consumatori nel mondo del vino. I giudici hanno ritenuto che Tastee di WineSpace potrebbe essere uno strumento molto utile in questo senso grazie “all’interazione che offre con i consumatori e al modo in cui rende più facile a lungo termine per i consumatori che non conoscono i vini fare le loro scelte”.

Il MIGLIOR LANCIO SUL MERCATO ECOLOGICO V D’OR premia le iniziative innovative ed eco-compatibili relative al lancio sul mercato di un prodotto: imballaggio, merchandising, vendita al dettaglio, ecc. La rosa dei candidati era: • Mallard Point • Bodegas Peñascal • Le Philtre • Quando in Roma Sekko wine Il vincitore è Mallard Point (Regno Unito). I giudici sono rimasti colpiti dall’audace e innovativo imballaggio in alluminio della gamma Mallard Point e dalla loro ideologia di riutilizzo piuttosto che di riciclo. Ai giudici è piaciuto anche il fatto che Mallard Point sia un’azienda a conduzione familiare.

La MIGLIORE INIZIATIVA CONGIUNTA V D’OR premia le iniziative di un gruppo di attori del settore dei vini e dei liquori nella promozione di un progetto collettivo. La rosa dei candidati era: • Programma di sostenibilità Vini dell’Alentejo di WWF Portogallo e Vini dell’Alentejo • REDWine di Avipe • Kit di strumenti per il clima InterLoire di InterLoire • vitiREV di La Région Nouvelle Aquitaine Il vincitore è il Programma di sostenibilità Vini dell’Alentejo di WWF Portogallo e Vini dell’Alentejo ( Portogallo). I giudici hanno elogiato il Programma di Sostenibilità dei Vini dell’Alentejo. “Lavorano come gruppo all’interno di una comunità e di una regione, promuovono la biodiversità e lavorano con altre organizzazioni”, ha affermato uno dei giudici. “Sono molto attenti ai dettagli, molto equilibrati e controllati e questo si vede nel loro ingresso”, ha detto un altro. “Sono la prova che il lavoro collaborativo dà dei risultati. Sono un progetto straordinario con risultati comprovati. Ogni singolo produttore con cui parlerai in Alentejo, che fa parte del programma, ti racconterà cose meravigliose sui vini dell’Alentejo”, ha detto un terzo.

La BEST BRAND EXPERIENCE V D’OR premia la strategia di marketing attuata da un attore del settore con l’obiettivo di offrire al consumatore un’esperienza memorabile. La rosa dei candidati era: • Creation Wines • Seconda azienda vinicola Il vincitore è Creation Wines (Sudafrica). I giudici sono rimasti estremamente colpiti dall’esperienza sensoriale e tattile creata da Creation Wines. “Tutto ciò che riguarda Creation Wines riguarda la storia e le emozioni umane. Una vera esperienza enologica è una questione di emozioni”, ha affermato uno dei giudici. “Ha sicuramente l’effetto WOW”, ha detto un altro. Il fatto che venda prodotti locali è stato un punto a favore.

BEST HERITAGE INITIATIVE premia le iniziative che consentono la condivisione di competenze, competenze o processi. La rosa dei candidati era: • The Old Vine Registry di The Old Vine Conference • PORVID • VIGNO di Vignadores del Carignan • Bernard Magrez Start-up Win Il vincitore è The Old Vine Registry di The Old Vine Conference (USA). Questa era una categoria molto dibattuta con una rosa di candidati impressionante. Alla fine, The Old Vine Conference ha vinto il premio come “progetto internazionale, globale e bellissimo” con “un valore enorme”, secondo le parole dei giudici. “Se torniamo alle radici dell’ambiente vinicolo, è fondamentale preservare la diversità generica e il patrimonio culturale promosso da The Old Vine Conference”, hanno affermato. I giudici hanno deciso di assegnare il ‘Coups de Coeur’ anche a VIGNO (Cile) e REDWine di Avipe (Portogallo), due iniziative minori che li hanno molto colpiti. “I premi V d’Or sono una solida espressione del nostro impegno per un’industria vinicola sostenibile e responsabile, simbolo di eccellenza e di preservazione del nostro terroir per le generazioni future”, afferma Rodolphe Lameyse, CEO di Vinexposium. “Il mondo del vino è ricco di personalità forti che si esprimono costantemente attraverso iniziative e progetti ambiziosi. Abbiamo ideato i premi V d’Or per premiare la loro energia ed entusiasmo”, afferma Michel Chapoutier, presidente del Comitato V d’Or.

 

For more information, visit  https://www.vinexposium.com/en/v-dor/


Commenti
Loading...