Susanna Basile
Sito ufficiale della psico-sessuologa

Movie Therapy & sex-porn addiction: Shame di Steve Mc Queen

0

La mia partecipazione al convegno annuale 2019 Atsac Association for the Treatment of Sexual Addiction and Compulsivity  di Londra col poster scientifico sul film Shame di Steve Mc Queen e Don Jon di Joseph Gordon-Levitt con il collega Pasquale Forcellati.

La storia ruota attorno a un giovane che guarda troppa pornografia e una giovane donna che guarda troppi film romantici. È un tema che trovo affascinante e divertente “. Joseph Gordon-Levitt, sceneggiatore e attore principale del film Don Jon. Questa motivazione ci consente tuttavia di capire che il film può essere utilizzato per dimostrare ai pazienti la normalizzazione della patologia. Diverso è l’approccio con il film Shame di Steve Mc Queen, in cui il sesso e la pornografia hanno tutti i criteri di una grave patologia.
Brandon (interpretato dall’attore Michael Fassbender) è un dipendente trentacinquenne di New York che vive una vita di totale sottomissione al sesso. La difficoltà nel controllare e gestire i suoi impulsi, che scatena con incontri occasionali, frequentando prostitute e continua masturbazione, lo porta a condurre una vita solitaria di privacy maniacale. Solo l’arrivo della sorella minore in città, l’insicuro Sissy, muove nel protagonista una ricerca di cambiamento. Il disturbo dell’uomo peggiora progressivamente, portandolo ad avere anche relazioni omosessuali e con più donne, in una dipendenza incontrollata.
La sua freddezza, intatta nonostante una profonda sofferenza per la sua condizione, lo porta a desiderare di rimanere da solo e di rimuovere sua sorella, che aveva chiaramente espresso il bisogno di suo fratello maggiore. Sissy tenterà quindi di suicidarsi, scatenando il rimorso di Brandon che, tuttavia, sembra rimanere preda di una forza che lo domina.

Nella scena finale Brandon è su un treno della metropolitana (leitmotiv del film che lo apre e lo chiude in modo ambiguo), e incrocia lo sguardo di una ragazza sconosciuta con intuizioni di implicazioni sessuali, come era successo in una scena precedente con lo stesso donna. Ma lo sguardo di Brandon ora è diverso, meno malizioso e provato dalla sofferenza, ma senza poter sfuggire alla sua vita tormentata.Per il protagonista del film Shame il sesso e la sua dipendenza qui non è soddisfazione, piacere, gioia, ma angoscia e tristezza da cui il protagonista non sarà in grado di liberarsi, completamente avvolto dai propri sensi di colpa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.